il Team moja

 
Veronica Grazioli Moja Rovereto.jpg

VERONICA GRAZIOLI

Veronica è la proprietaria e manager di Moja. Il suo percorso formativo come ristoratrice non potrebbe essere più insolito. Dopo una carriera all'estero in organizzazioni internazionali quali l'ONU e il Comitato Internazionale della Croce Rossa, dopo avere lavorato a lungo in paesi come Costa d'Avorio, Sri Lanka, Filippine, Brasile e Afghanistan, Veronica fa la coraggiosa scelta di investire nella propria passione lanciandosi nel mondo della ristorazione.  

Sommelier AIS e Degustatore ONAF di formaggi, Veronica si forma alla Scuola dello Chef Gualtiero Marchesi ALMA di Colorno (Parma) e decide di lanciare Moja, un nuovo concetto di ristorazione nell'area di Rovereto basato sull'innovazione, l'alta cucina e la qualità della materia prima.

 

Veronica is the owner and manager of Moja Ristorante Caffetteria.
Her path to entrepreneurship could not have been more unique.
After developing a career abroad in international organisations such as the UN and the International Committee of the Red Cross, working extensively in countries like the Ivory Coast, Sri Lanka, Philippines, Brazil and Afghanistan, Veronica made the bold decision of investing in her passion, venturing into the world of restaurants.

After studying at Chef Gualtiero Marchesi's ALMA School in Colorno (Parma), Veronica decides to introduce Moja, a new concept of culinary experience in the area of Rovereto, based on innovation, high cuisine and the quality of ingredients.

Chef Alessandro Raimondi.png

ALESSANDRO RAIMONDI

AleRai, acronimo di Alessandro Raimondi, è lo chef che dal 25 Settembre 2017 ha assunto con passione ed energia le redini della cucina del Moja.

Nato e cresciuto nella città della Quercia, ama profondamente la sua terra trentina, di cui apprezza e valorizza ogni prodotto, ma non può dimenticare le radici emiliane dei nonni paterni ferraresi che, fin da piccolo, hanno influenzato e raffinato i suoi gusti culinari.

Ha vissuto per studio e per lavoro a Milano, Torino, Budapest ed ha attraversato per passione mezzo mondo. Ovunque ha assorbito idee, gusti, sensazioni, profumi, sapori, odori che rendono ora le sue ricette poliedriche ed armoniche al tempo stesso.

Alessandro ha puntato sempre all’alta gastronomia, maturata in importanti città europee in Inghilterra, Irlanda, Norvegia ed Alto Adige. L’esperienza che ha affinato maggiormente la sua arte è stata quella vissuta nella cucina dell’Osteria Francescana di Massimo Bottura a Modena, con tre stelle Michelin, premiato miglior ristorante del mondo nel 2016. Bottura, o meglio “il Maestro” come ama chiamarlo Raimondi, gli ha insegnato l’importanza dei prodotti del territorio, l’approccio alla materia prima, l’attenzione alla stagionalità, le tecniche innovative della manipolazione dei prodotti e l’importanza di portare le ricette della tradizione e del passato in un connubio tra cucina classica e moderna.

Lo chef Raimondi con la sua naturale ecletticità, la sua voglia di nuovo e la sua prorompente creatività propone oggi per Moja un susseguirsi di piatti originali che introducono il cliente ad esperienze di gusto, di olfatto e di vista innovative, raffinate, sorprendenti.

La giovane e trentina “famiglia-brigata” del Moja: il sous-chef Stefano Bazzanella, Davide e Nicolas in cucina, insieme alla brigata di sala composta da Milena, Giosué, Biljana e Octavian, vi danno il benvenuto e un buon inizio di esperienza sensoriale al Moja.